LearnItalianwith Us!

Start Learning!

Italian Language Blog

I Meet A Childhood Hero Posted by on Jul 21, 2017 in sports

On our first day back in Pontremoli, after a week away in England, I had the unexpected pleasure of shaking hands with a hero from my youth …

Siamo appena tornati da una settimana in Inghilterra, una settimana molto intensa e stressante per motivi familiari. E’ un piacere gironzolare tranquillamente per Pontremoli e incontrare tanti amici con cui fare due chiacchiere. Si respira un’aria rilassata e di festa.

Ci fermiamo al Caffè degli Svizzeri a prendere il caffè, e appeso al banco vedo un poster che pubblicizza un evento legato al premio letterario Bancarella Sport che si tiene tutte le estati a Pontremoli. E’ la presentazione della biografia di Sara Simeoni, una leggenda dello sport italiano. “Peccato che sia stato ieri, ci sarei andata volentieri” mi dico, sbagliando giorno perché ancora rimbecillita dal viaggio.

Continuiamo la nostra passeggiata per Pontremoli, e decidiamo di fare un salto dai mobilieri a chiedere il prezzo per il restauro di una poltroncina. Il laboratorio si trova nel cortile del bel palazzo settecentesco Dosi Magnavacca. Una semplice domanda si trasforma in una lunga chiacchierata, parliamo di tutto, dal restauro dei mobili alla ricetta del pesto, dallo stipendio dei politici alle iperprotettive mamme italiane.

Nel frattempo noto varie persone vestite eleganti che arrivano e salgono su per lo scalone di rappresentanza del palazzo. “Ci sarà un matrimonio o qualche cerimonia” penso io. All’improvviso sento il mobiliere che esclama: “Ecco Sara Simeoni!” Mi giro e vedo l’assessore allo sport e una ragazza in sedia a rotelle, un’atleta disabile pontremolese, che parlano con una signora alta, vestita con un camicione nero … Sì, è proprio lei, la grande Sara Simeoni!

“Chi è?” chiede Geoff. “E’ Sara Simeoni, una grandissima campionessa di salto in alto” rispondiamo in coro io e Alberto, il mobiliere. “Ha vinto la medaglia d’oro alle olimpiadi di Mosca” dice Alberto. “Ha fatto il record mondiale nel salto in alto” dico io. “Nel … 1978!” aggiunge Alberto, che è più o meno mio coetaneo.

Ebbene sì, alla fine degli anni Settanta, inizio Ottanta, quando l’Atletica Leggera era dominata dalle atlete dell’Europa dell’Est super dopate, noi italiani ci sentivamo inferiori e provinciali. All’improvviso sul palcoscenico mondiale apparve lei, Sara Simeoni, che riusciva a competere con i mostri dello sport, che fece due volte il record del mondo e vinse la medaglia olimpica. Ci riempì d’orgoglio nazionale.

Istigata da Geoff, mi avvicino al gruppetto e attendo che Sara Simeoni si liberi. “Cosa le dico?” mi chiedo intimorita. Ecco il mio momento! mi faccio avanti e … “Signora Simeoni, posso stringerle la mano? Lei è stata l’eroe della mia gioventù!” dico tutto d’un fiato. “Addirittura!” esclama ridendo Sara Simeoni mentre mi stringe la mano. E’ solo un attimo, ma un grande momento per me.

We’ll publish the English translation at the beginning of next week. Buon fine settimana.

Tags: ,
Share this:
Pin it

Comments:

  1. Renata:

    Che meravigliosi questi post in italiano! Spero che continuiate a scriverli, si possono imparare tantissimi espressioni! Grazie mille.


Leave a comment: