Italian Language Blog

Thank you! Please check your inbox for your confirmation email.
You must click the link in the email to verify your request.

Un Memorabile Martedì Grasso Posted by on Feb 12, 2013 in Italian Language

Oggi è Martedì Grasso, ultimo giorno di Carnevale, e come sempre questo mi riporta con la memoria ad un lontano Martedì Grasso di tanti anni fa. Avevo sedici anni e frequentavo il Liceo Classico Niccolò Machiavelli di Lucca, una scuola severissima e lugubre, dove era assolutamente vietato ridere e scherzare, essere giovani insomma. L’istituto era, ed ancora è, situato nell’ala meno nobile del seicentesco Palazzo Pfanner, vicino alla bellissima Basilica di San Frediano.

Palazzo-Pfanner002

A view of Palazzo Pfanner. On the far left, near the tall tree, you can just see the Liceo Classico

Erano circa le undici del mattino, era l’ora di Letteratura Italiana, con la gelida, vecchissima professoressa M.S. Tutta vestita di grigio e con la testa incassata fra le spalle curve e magre sembrava un airone appollaiato su di un ramo che aspetta la sua preda. All’improvviso sentimmo un gran chiasso provenire dall’androne del palazzo, e un attimo dopo nel cortile apparirono degli strani figuri vestiti con mantelle e lunghi cappelli appuntiti stile Robin Hood, mentre in bocca avevano un fischietto come quello degli arbitri: era un gruppo di Goliardi dell’Università di Pisa. Urlando a squarciagola: “Fuori tutti, è Carnevale!” entrarono nelle classi e presero a tirare per aria libri e penne, mentre noi li guardavamo esterrefatti.

Goliardi

Goliardi with their characteristic capes and hats

Richiamato da tutto questo baccano arrivò di corsa il Preside. I Goliardi lo circondarono e cominciarono a chiedergli di farci uscire: “Forza, è Martedì Grasso, li faccia uscire a questi poveri ragazzi”. Al che il Preside ingenuamente rispose: “Mi fido dei miei studenti: li lascio liberi di decidere quello che ritengono sia meglio fare”. Non aveva finito ancora di pronunciare le ultime parole che avevamo già afferrato cartelle e cappotti e ci lanciavamo fuori dal portone della scuola! Io e i miei compagni di classe corremmo subito in un negozio di giocattoli a comprarci un fischietto ciascuno, e fischiando andammo poi in giro per le vie di Lucca a goderci la nostra breve libertà.

Ma le sorprese non erano finite qua. La mattina dopo, quando tornammo a scuola, il Preside convocò tutti gli studenti fuggiaschi nell’Aula Magna e con aria seria disse: “Credevo che foste delle persone mature quando ieri vi ho lasciati liberi di scegliere. Mi stupisco di voi!”. A queste parole il mio primo pensiero fu: “Povero sciocco! Ma cosa ti aspettavi?”

Vocabolario

frequentavo = I attended. First person singular of the imperfect tense from the verb ‘frequentare’ (to attend), used for school and university

lugubre = gloomy

nell’ala meno nobile = in the less aristocratic wing of Palazzo Pfanner

con la testa incassata fra le spalle = with her head sunk between her shoulders

androne = entrance hall

arbitri = referees

Goliardi = University students, with special reference to the free and careless spirit typical of the university life.

Urlando a squarciagola = screaming out loud (lit. screaming to throat ripping)

presero a tirare per aria = they began to throw up in the air. ‘Presero’ third person plural of the historical past from the verb ‘prendere’ (to take)

esterrefatti = astonished

baccano =  din, racket. From the Latin ‘Bacchanalia’

ingenuamente = naively

quello che ritengono sia meglio fare = what they think it’s best to do

ciascuno = each

goderci = to enjoy [ourselves], from the reflexive verb ‘godersi’ (to enjoy)

convocò = he summoned. Third person singular of the historical past from the verb ‘convocare’ (to call, to summon)

fuggiaschi nell’Aula Magna = the fugitives into the main assembly hall. L’Aula Magna (Lat: Great Room) is a formal room in a school or university where assemblies or ceremonies are hold

Povero sciocco! = You poor fool!

Tags: ,
Share this:
Pin it

Comments:

  1. andreas:

    Ciao Serena!
    (Ci diciamo ‘ciao’ con Geoff. Spero di poter dire ‘ciao’ anche a te). Che storia tanto bella. Mi fa sempre un piacere enorme leggere qualcosa in italiano bello, ma comprensibile.
    Saluti da Andreas

    • Serena:

      @andreas Ciao Andreas!
      Ciao va benissimo anche per me.
      Sono contenta che la mia storia ti sia piaciuta e ti sia risultata comprensibile.

      Saluti da Serena


Leave a comment: