The Smuggler

Posted on 23. May, 2016 by in Humour

Isn’t it nice to begin the day with a smile? If you follow our blog you’ll know that we like to include, where possible, a bit of humour. But barzellette (jokes) can be difficult to understand when not recounted in your mother tongue, so I’ve translated this one into English for you.

Il Contrabbandiere (The Smuggler)

Un uomo, dall’aspetto alquanto losco, arriva in macchina fino alla frontiera dove viene fermato da un anziano maresciallo dei carabinieri. Il carabiniere invita l’uomo ad aprire il bagagliaio per un controllo. Una volta aperto ci trova dentro sei sacchi stracolmi. Pensando di aver fatto il colpaccio, chiede al guidatore:

E questi sacchi cosa contengono?”

L’uomo seccamente: “Terra”

Cortesemente, me li può aprire?”

Certo!”

A rather shady looking man arrives at the border crossing where he’s stopped by an old Marshall of the Carabinieri. The Carabiniere invites the man to open his boot/trunk so that he can check it. When it’s opened, he finds six full sacks inside. Thinking that he’s pulled off a coup, he asks the driver:

“And what do these sacks contain?”

The man replies dryly: “Soil”

Would you kindly open them for me?”

Of course!”

Controlli_Carabinieri

L’uomo li apre ed il carabiniere incomincia a rovistarli trovando nient’altro che terra. Non contento prende un bastoncino e li sonda uno per uno, ma al loro interno non scova nessun oggetto solido… solo terra.

The man opens them and the Carabiniere begins to rummage through them, finding nothing but soil. Not content, he gets a stick and feels down into them one by one, but finds no solid objects inside them  … only soil.

Ancora non convinto chiama il collega della unità cinofila che fa annusare i sacchi al suo cane, di nuovo senza risultato: i sacchi non contengono né droga né esplosivo, soltanto della volgarissima terra.

Still not convinced, he calls his colleague from the dog handling unit who gets the dog to sniff the sacks, once again without result: the sacks contain neither drugs nor explosive, just common old soil.

A quel punto il carabiniere è costretto a lasciare andare l’uomo. Il quale non se lo fa ripetere due volte, sale in macchina e riparte attraversando la frontiera.

At that point the Carabiniere is forced to let the man go. The man doesn’t wait to be told twice, he gets into his car and drives off across the frontier.

La stessa cosa avviene un giorno sì e l’altro no per un anno intero, con puntuale regolarità: l’uomo arriva con la macchina alla frontiera, il maresciallo gli ispeziona il bagagliaio, trova i soliti sei sacchi che contengono solo terra e perciò è costretto a lasciar andare l’uomo.

The same thing happens every other day for a whole year, with punctual regularity: the man arrives at the frontier with his car, the Marshall inspects the boot/trunk, finds the usual six sacks that contain nothing but soil, and is therefore constrained to let him go.

Trascorsi dodici mesi, l’anziano maresciallo va in pensione ed apre un ristorantino insieme alla moglie, proprio nei pressi della frontiera. Un bel giorno tra i clienti presenti nel suo ristorante riconosce lo stesso uomo che aveva fermato e controllato per un anno intero.

After twelve months have passed, the old Marshall retires and opens a restaurant with his wife just next to the border crossing. One fine day he recognises the man who he’d stopped and checked for a whole year amongst the clients present in his restaurant.

Il carabiniere, volendo avere una conferma del suo sesto senso da detective proprio dal diretto interessato, si avvicina all’uomo e gli fa:

Salve, si ricorda di me?”

Ma come no!?! Lei è il carabiniere che mi fermava sempre alla frontiera!”

Esatto! Ora però non lo sono più perché sono in pensione. Quindi lei una curiosità me la deve togliere… che cosa contrabbandava?”

Io? Macchine rubate …

The Carabiniere, wishing to have his detective’s sixth sense confirmed by the individual, goes up to the man and says:

Hello, do you remember me?”

Of course I do!?! You’re the Carabiniere who always stopped me at the border!”

Exactly! But now I’m not a Carabiniere any more because I’m retired. Therefore, would you mind satisfying my curiosity … what were you smuggling?”

Me? Stolen cars …”


Buona giornata … alla prossima!

I Could Study Italian

Posted on 20. May, 2016 by in Grammar

Let’s continue our series on the conjugation and use of modal verbs. Following on from the first two articles about the verb dovere, which you can revise here: I Must Study Italian and I Should Have Studied Italian, today we’re going to look at the verb potere (to be able) with some practical examples of how it’s used.

Indicativo Presente (present indicative):
io posso, tu puoi, lui può, noi possiamo, voi potete, loro possono

Examples:
puoi passarmi il sale per favore? = can you pass me the salt, please?
alla Pinacoteca Nazionale di Parma si può ammirare la Scapigliata di Leonardo = at the National Gallery in Parma one can admire Leonardo’s Scapigliata
dai, che possiamo farcela! = come on, we can do it!

Indicativo Imperfetto (imperfect indicative):
io potevo, tu potevi, lui poteva, noi potevamo, voi potevate, loro potevano

Examples:
quando ero bambina non potevo addormentarmi se prima non avevo detto la preghiera della buona notte = when I was a child I couldn’t fall asleep if I hadn’t said my good night prayer first
l’aria era così limpida che all’orizzonte si poteva vedere l’isola d’Elba = the air was so clear that you could see the Isola d’Elba on the horizon
c’era così tanto chiasso che non potevamo sentire quello che diceva l’annunciatore = It was so noisy that we couldn’t hear what the announcer was saying

To find out more about the imperfect indicative see this post: Indicativo Imperfetto

Above: Easter in the era of social networking … ‘non sanno se potranno restare per la cena … (future indicative)

Indicativo Futuro (future indicative):
io potrò, tu potrai, lui potrà, noi potremo, voi potrete, loro potranno

Examples:
quando potrai finire questa traduzione? = when will you be able to finish this translation?
Mario ha detto che potrà venire solo per un’oretta = Mario said he will only be able to come for an hour
Lucia e Mario non sanno se potranno restare per la cena = Lucia e Mario don’t know if they will be able to stay for dinner

To find out more about the future indicative see this post: Indicativo Futuro

Condizionale Presente (present conditional):
io potrei, tu potresti, lui potrebbe, noi potremmo, voi potreste, loro potrebbero

Examples:
quest’estate potrei studiare l’italiano = this summer I could study Italian
Potrebbe darmi un bicchiere d’acqua, per piacere? = Could you give me a glass of water, please?
se domani fa bello potremmo andare a fare un giro sulla costa = if the weather is good tomorrow we could go for a trip to the coast

To find out more about the present conditional see this post: Condizionale Presente

Congiuntivo Presente (present subjunctive):
io possa, tu possa, lui possa, noi possiamo, voi possiate, loro possano

Examples:
io credo che tu possa fare meglio di così = I believe you can do better than this
non c’è ragione per cui Maria non possa fermarsi più a lungo = there’s no reason why Maria can’t stay longer
spero che possiate venire anche voi = I hope you will be able to come too

To find out more about the present subjunctive see this post: Congiuntivo Presente

Congiuntivo Imperfetto (imperfect subjunctive):
io potessi, tu potessi, lui potesse, noi potessimo, voi poteste, loro potessero

Examples:
se potessi lo farei volentieri = if I could I would be pleased to do it
se solo Maria potesse restare un paio di giorni in più! = if only Maria could remain a couple of days longer!
speravamo che voi poteste venire per cena = we hoped you could come for dinner.

To find out more about the imperfect subjunctive see this post: Congiuntivo Imperfetto

Next time I’ll be looking at the conjugation and use of potere when used with the auxiliary verbs essere (to be) and avere (to have).

Tasty Italian Flowers

Posted on 18. May, 2016 by in Food, Vocabulary

Food dominates all here in Italy, and wherever they are, whatever the occasion, Italians love discussing it! Here’s a typical example:

The setting:
A small Yoga class in a little Italian country town

The characters:
Serena (the yoga teacher) and the students (all ladies).

Insegnante: “Adesso sdraiatevi e portate le ginocchia al petto così da rilassare la schiena e il corpo”
Teacher: “Now lie down and bring your knees to your chest in order to relax the back and the body”

Daniela: “Oddio, mi tornano su i peperoni che ho mangiato a pranzo”
Daniela: “Oh my god, I ate peppers at lunch time and now they are coming back up”

Anna: “A me le cipolle … proprio non le digerisco”
Anna: “For me it’s the onions … I really can’t digest them”

Robinia_Pseudoacacia_flower-001

Annalisa: “Io a pranzo ho fatto le frittelle di fiori di acacia”
Annalisa: “For lunch I made fritters with acacia flowers” (N.B. the tree that the locals call acacia, which grows wild here in Lunigiana, is actually robinia.)

Maria Grazia: “Che buone!”
Maria Grazia: “They’re really good!”

Cristina: “Frittelle di fiori di acacia? come le fai?”
Cristina: “Fritters with acacia flowers? How do you make them?”

Annalisa: “Faccio una pastella con acqua, farina e un pizzico di sale, ci metto i fiori di acacia …”
Annalisa: “I prepare a batter with some water, flour, and a pinch of salt, then I put the acacia flowers in it …”

Cristina: “Ci metti tutto il grappolo?”
Cristina: “Do you put the whole bunch in?”

Annalisa: “No, i fiori li stacco dallo stelo principale perché resta troppo duro, li rigiro bene nella pastella e poi li friggo a cucchiaiate in olio ben caldo”
Annalisa: “No, I remove the flowers from the main stalk because it’s too tough, I mix them well with the batter, and then I fry by them dropping spoonfuls of the mixture into hot oil”

Maria Grazia: “Ci metti anche un uovo nella pastella?”
Maria Grazia: “Do you put an egg in the batter as well?”

Annalisa: “No, niente uovo perché sennò copre il sapore dei fiori”
Annalisa: “No, no egg because otherwise it covers the flavour of the flowers”

Insegnante: “Ma le frittelle sono dolci o salate?
Teacher: “Are the fritters sweet or savoury?”

Annalisa: “Appena salate. Con un bicchiere di vino bianco leggermente frizzante fresco sono favolose”
Annalisa: “Slightly savoury. With a glass of chilled white slightly sparkly wine they’re fabulous”

Maria Grazia: “Io le spolvero con lo zucchero a velo, somigliano alle frittelle di mele”
Maria Grazia: “I dust them with icing sugar, they’re like apple fritters”

 

I_fiori_di_sambuco-001

Una Farfalla Prete si posa su dei fiori di sambuco. A Priest Butterfly rests on some elderberry flowers. Photo: Wikipedia.

Rita: “So che si possono fare anche i fiori di sambuco fritti. Come si fanno?”
Rita: “I know you can also make elderflower fritters. How are they made?”

Alda: “Fai la pastella uguale e poi ci immergi i fiori sambuco, tutta la testa tenendola per il gambo che ne lasci appena un centimetro, e quindi li friggi. Anche i fiori di sambuco fritti sono buonissimi”
Alda: “Prepare the batter in the same way, then dip the elder flowers in it, the whole bunch, holding it by the stalk, which you leave just a centimetre of, and then fry them. Elderflower fritters are really good too”

Insegnante: “A parte i fiori di zucca, ovviamente, ci sono altri fiori che si possono cucinare?”
Teacher: “Apart from pumpkin flowers, obviously, which other flowers can you cook?” (see recipe for Fiori di Zucca Fritti)

Daniela: “I fiori borragine”
Daniela: “Borage flowers”

Insegnante: “Come li fai?”
Teacher: “How do you cook them?”

Daniela: “Fritti, come i fiori acacia”
Daniela: “Fried, like the acacia flowers”

Insegnante: Aspettate un momento … questa è una classe di Yoga, non un corso di cucina! “Va bene! Adesso silenzio! Basta parlare di cibo! Rilassate il corpo e la mente …”
Teacher: Hang on a minute … this is a Yoga class, not a cookery class! “OK! Silence! Stop talking about food! Relax your body and your mind …”