LearnItalianwith Us!

Start Learning

Italian Language Blog

Thank you! Please check your inbox for your confirmation email.
You must click the link in the email to verify your request.

In Their Own Words Posted by on Mar 21, 2019 in Art, Culture, Italian Language

As the title suggests, today’s post is not ‘ours’ as such, but has been written by a small selection of the 9 and 10 year old children who worked alongside us in our printing workshop at a local scuola elementare.

N.B. Only two of the thirteen children in this class were boys, hence the male female disparity reflected below.

Viola S.
Oggi in classe è venuto un signore di nome Geoff che ci ha insegnato una cosa nuova: la tecnica della stampa con pezzi di legno di forme diverse. Prima si mettono le tempere sopra delle spugne umide, poi si prende un pezzo di legno e si posa sopra alla tempera. Si solleva il legno, si appoggia al foglio bianco, si toglie e … fatto! la stampa compare. Il mio primo disegno è stato il fiore di loto, poi un albero, dei coriandoli, un villaggio, un uomo con un occhio e delle forme di tanti colori. Mi sono divertita molto e spero che faremo altre lezioni con Geoff.
Today a gentleman named Geoff came to our classroom. He taught us something new: the technique of printing with differently shaped pieces of wood. First you put the temperas onto some wet sponges, then you take a piece of wood and place it on the tempera. You lift the wood and lay it on the white paper, remove it and … it’s done! the print appears. My first picture was a lotus flower, then a tree with confetti, a village, a man with one eye and some multicoloured shapes. I enjoyed myself a lot and hope we’ll have other lessons with Geoff.

Viola S. – the lotus flower

One of the students creating their print 1.

One of the students creating their print 2.

Matilde S.
Questa mattina ho stampato …
.. delle farfalle gialle, turchesi e azzurre con puntini colorati: le ho fatte con delle forme che ci hanno dato due signori molto simpatici di nome Geoff e Serena.
Poi ho stampato tante mani, tutte colorate e per questo disegno non ho utilizzato le forme.
Un’altra stampa aveva come argomento una città, colorata con il turchese, verde chiaro, marrone, marrone chiaro, quasi rosso, e verde scuro.
Infine ho fatto una cascata in una foresta utilizzando tante forme di tipo diverso.
Il mio disegno preferito è quello con le farfalle.
This morning I printed …
.. some yellow, turquoise and azure butterflies with coloured dots: I made them with shapes given to us by two very nice people by the name of Geoff and Serena.
Then I printed lots of hands, all coloured, and for this picture I didn’t use the printing blocks.
Another print had a city as its subject, coloured in turquoise, light green, brown, light brown, almost red, and dark green.
Finally, I made a waterfall in a forest using lots of different shapes.
My favourite picture is the one with the butterflies.

Matilde S. – butterflies

Fede (Federico)
Questa mattina, quattro marzo 2019 abbiamo stampato disegni come: giraffe, T-rex, alberi. Il nostro maestro è stato Geoff, senza di lui non ce l’avremmo fatta, anche sua moglie è stata di grande aiuto. Alla fine il lavoro di tutta la classe è stato molto proficuo: infatti in tutto abbiamo prodotto 58 disegni.
This morning, fourth of March 2019 we printed pictures such as: giraffes, T-rex, trees. Our teacher was Geoff, without him we wouldn’t have managed, his wife was very helpful too. All in all, our work was very productive: in fact, we produced a total of 58 pictures.

Fede: Jurassic Park

Viola S.
Questa mattina ho stampato con una tecnica che usavano tanto tempo fa. Geoff e Serena ci hanno aiutato a fare dei disegni meravigliosi con la tempera. Io ne ho fatti quattro: la giraffa, il paese immaginario, la sirena orientale dentro il mare ed infine ho interpretato la vita.
Mi è piaciuta molto questa iniziativa perché ci ha fatto capire quanto le persone dovevano lavorare un tempo per fare cose che a noi sembrano semplicissime.
This morning I printed with a technique used a long time ago. Geoff and Serena helped us make some wonderful pictures with tempera. I made four: the giraffe, the imaginary village, the oriental mermaid in the sea and finally I interpreted life.
I liked this activity very much because it made us realize how much people had to work in the past to make things that seem very simple to us.

Viola S. the oriental mermaid in the sea

Maria Chiara N.
Questa mattina ho stampato alcuni bellissimi disegni. Ho utilizzato, con tecniche diverse, alcuni pezzetti di legno che sono diventati: angeli, uccelli, palme, torri, bandiere, case …
Ho fatto quattro disegni: il primo rappresenta la Terra sotto forma di angelo (le sue ali sono i fiumi, la testa è il mare, le braccia sono la terra fertile e il vestito la terra arida) e l’ho chiamato “Speranza”; in un altro ho raffigurato un uccello nella giungla e si chiama “Libertà”. In un altro ancora ho stampato due bandiere che volano al vento e una torre in lontananza: questa stampa è “Incanto”; l’ultimo disegno è il mio preferito, “La città ecologica”, perché nella città ci sono molte piante.
This morning I printed some beautiful pictures. I used some small pieces of wood with different techniques, which became: angels, birds, palms, towers, flags, houses …
I made four pictures: the first represents Earth in the form of an angel (its wings are the rivers, its head is the sea, its arms are the fertile land and its dress the arid land) and I called it “Hope”; in another one I portrayed a bird in the jungle which is called “Freedom”. In another one I printed two flags flying in the wind and a tower in the distance: this print is “Charm”; the last picture is my favourite, “The Ecological City”, because in this city there are a lot of plants.

Maria Chiara N. Earth in the form of an angel

Nicole P. summed the morning up:
E’ stata un’esperienza epica, io mi sono divertita un sacco!
It was an epic experience, I really enjoyed myself!

Would you like to hear more from our young authors in the future? Let us know in the comments section.

You can find the three posts in this series here:
Back To School – Part 1  
Back To School – Part 2 
Back To School – Part 3 

Alla prossima!

Tags: ,
Share this:
Pin it

Comments:

  1. Toby:

    Mi piace tantissimi questo blog e anche i disegni! Che bella iniziativa!

    • Geoff:

      @Toby Son bravi questi ragazzini, vero? Grazie per il tuo commento Toby! 🙂

  2. Jan Mackay:

    Fantastico.. Di piu come questi per favore!

  3. paolo:

    I ragazzini sono bravissimi.

  4. Mitch:

    This is superb. I’m right at the beginning of the road to Italian but I’m getting so much out of these posts. These children are so articulate, my 9 year old self is put to shame. Getting children to write is a genius idea, they seem to order their thoughts in a way that’s really accessible to a language learner. Thank you and them. Again, superb.

    • Geoff:

      @Mitch Thanks for your comment Mitch, it’s really useful for us to get your feedback.

      A presto, Geoff e Serena 🙂

    • Donna:

      @Mitch Ben detto Mitch!

  5. Kirstie:

    Questi articoli sono bravo! Ancora piu favore.

  6. Donna:

    Ne vorrei di pìu per favore. Per me le scritture dei giovanni sono utili al mio levello di apprendimento. Grazie.

  7. Colleen:

    Mi piacciono , vorebbe di più ! Bravissimi Geoff e Serena!

  8. Lesley Brennan:

    Mi e’ piaciuto molto leggere gli scritti di questi giovani ragazzi. Un’altra buon idea per noi. Grazie ancora.

  9. kathy harman:

    Queste foto mi hanno fatto voglia di provare! Il mio preferito è quello con l’uccello sul aqua – è come un Braque, vero? Mille grazie Geoff e Serena per il tuo lavoro nei pubblicare questo – è una gioia!

  10. kathy harman:

    Io dovuto aggiungere che la creatività e l’abilità di questi giovani è così impressionante.

  11. Rosalind:

    I am impressed by the children’s art work but also, to my non-expert eyes, by the lack of spelling mistakes in Italian. Or were their descriptions edited by Serena/Geoff? Am comparing this to my 11 year old grandson’s catastrophic spelling in French, his main language.

    • Serena:

      @Rosalind Salve Rosalind!
      Non abbiamo corretto nessuno scritto, solo copiato. Questi bambini sono molto bravi, però c’è anche il vantaggio che la lingua italiana è molto fonetica, per cui è più facile scrivere senza fare sbagli di ortografia. Il Francese è più complicato dell’italiano da questo punto di vista.
      Saluti da Serena

      • Rosalind:

        @Serena Grazie, Serena, per le precisioni. È vero che l’italiano è piu fonetica, non avete le lettere e, s, ent, ecc. che non si sentono.

  12. Jane Bowden:

    Questa storia è meravigliosa. Mi piace molto l’immaginazione dei bambini (scolari) e il loro entusiasmo.

  13. Darla:

    I love these! More please!!

  14. Peni Schwartz:

    How does one make a donation to your website? I enjoy reading your posts every day and would like to support your efforts. Gracia mille, Peni

    • Serena:

      @Peni Schwartz Salve Peni! This is not a private website, so we don’t accept donations, but you can subscribe to the blog.
      Grazie per l’apprezzamento.
      Saluti da Serena


Leave a comment: