LearnItalianwith Us!

Start Learning!

Italian Language Blog

Un Castello Fantasma Posted by on Feb 12, 2019 in Travel

C’è un castello fantastico, un castello che è rimasto come un fantasma nei cassetti della mia memoria.

“Esiste davvero, o l’ho sognato? Dove si trova?” mi sono chiesta tante volte. Mi sembrava di ricordare che si trovasse da qualche parte vicino a Firenze, ma non ero sicura dove. Poi un giorno notai un articolo su un giornale che parlava appunto di un castello fantasma. Lessi l’articolo, ed eccolo! era lui … il castello della mia memoria.

Finalmente scoprii il suo nome: era il Castello di Sammezzano, situato vicino a Reggello in provincia di Firenze.

Una mattina di tanti anni fa, quando ero una ragazzina, mio padre annunciò: “Oggi andiamo a fare una gita, vi porto a vedere un posto speciale!”. Così partimmo con la nostra piccola e spartana FIAT 127 color verde pisello, mio padre alla guida, la mamma sul sedile passeggeri accanto a lui, ed io e Francesco sul sedile posteriore.

La facciata moresca del Castello di Sammezzano. Foto CC

Dopo un’oretta e mezza di macchina apparve in distanza, su una collina, un castello. Papà lo indicò e disse: “Andiamo lì, a visitare quel castello!”

Eravamo eccitati all’idea di visitare un castello, ma la realtà superò di molto le nostre aspettative: il castello era sì un castello, ma molto diverso dal solito … la facciata era tutta decorata da motivi architettonici in stile moresco!

Un signore ci venne incontro all’ingresso e mio padre gli chiese di visitare il castello. Il signore chiamò un’altra persona, che ci fece da Cicerone.

L’interno era una cosa davvero incredibile, da ‘Mille e Una Notte’. Mi ricordo un susseguirsi di sale, una più meravigliosa dell’altra! C’era una sala tutta bianca, che sembrava fatta di glassa di zucchero, un’altra ricoperta di piatti di ceramica, un’altra bizantineggiante, e poi una ancora più fantastica di tutte, se possibile, la sala dei pavoni! Non ho parole per descrivere queste meraviglie, ma solo punti esclamativi.

La Sala dei Pavoni. Foto CC

Ma cos’è il castello di Sammezzano? E’ una creazione fantastica del marchese fiorentino Ferdinando Panciatichi Ximens d’Aragona, che lo aveva ereditato nel 1818. Fra il 1852 e il 1889 Ferdinando modificò completamente l’aspetto dell’originale edificio seicentesco, trasformandolo nell’esemplare più importante d’Italia, e forse d’Europa, dello stile Orientaleggiante in voga in quel periodo.

Nell’immenso parco Ferdinando fece costruire delle fornaci per realizzare sul posto i materiali necessari: mattoni, piastrelle colorate e stucchi. Gli operai, che erano tutti del luogo, furono appositamente istruiti da lui stesso.

Il marchese Ferdinando si occupò anche dell’organizzazione dell’immenso parco, che contiene la più grande concentrazione di sequoie d’Europa, alberi che vennero fatti venire apposta dall’America.

Alla morte di Ferdinando, il castello passò ai suoi eredi, e da lì in varie mani. Durante la Seconda Guerra Mondiale venne prima occupato e depredato dai Tedeschi e poi dagli Alleati. Infine fu acquistato da una società che fra il 1970 e il 1990 lo trasformò in un albergo di lusso, visitabile su richiesta. Fu in quel periodo che mio papà lo scoprì per motivi di lavoro e ci portò a visitarlo.

Dopo il fallimento della società alberghiera, purtroppo questo gioiello è ora in completo stato di abbandono e di degrado.

Potete trovare maggiori informazioni in questi due link:
Il Castello di Sammezzano – Wiki
Save Sammezzano

Fra pochi giorni pubblicheremo la traduzione di questo post. A Presto!

Tags: ,
Share this:
Pin it

Comments:

  1. Julie Taylor:

    Che peccato! Grazie mille. E molto interessante. Mi piacerebbe molto vederlo.

  2. Rosalind:

    Una storia affascinante, sia per via del percorso di questo castello, sia perché hai riscoperto il tuo castello misterioso. Spero una soluzione per l’avvene di questa maraviglia.

  3. Alex:

    https://www.google.com/maps/place/Castello+di+Sammezzano/@43.7028314,11.471859,12z/data=!4m5!3m4!1s0x0:0xbbf1416e861cce02!8m2!3d43.7028314!4d11.471859?hl=en-US
    Ci sono tante foto qui. Sarà rompere la tua cuore a vederlo quando realizza il lavoro per riparare tale un grande edificio. Molto è ancora bello bello ma ha bisogno di moltissimo attenzioni. 🙁

  4. Morena:

    Io sono stata fortunata perché ho potuto visitare il castello in occasione di una delle pochissime volte che era possibile prenotare la visita.
    Dire che è meraviglioso è poco. È triste che gioielli come questi non possano essere recuperati per poi permettere la Visita ai turisti. Sono convinta che il biglietto verrebbe pagato più che volentieri.

  5. rukmini nini:

    che peccato e triste, comunque grazie for sharing info.

  6. Marcella:

    il tuo racconto mi ha riportato indietro negli anni a quando ho vissuto con i miei genitori la stessa tua scoperta, un posto bellissimo che ho rivisto da poco come ambientazione in alcune puntate di una trasmissione di Lucarelli; ho cercato tra i titoli di coda di risalire al sito della location e infatti era proprio il castello di Sammazzaro vicino Firenze, informandomi in rete ho capito che ormai è in disuso e il dispiacere è stato enorme.
    grazie per averne parlato


Leave a comment: