Italian Language Blog

Thank you! Please check your inbox for your confirmation email.
You must click the link in the email to verify your request.

Using The Subjunctive In Italian Posted by on Apr 23, 2013 in Grammar

Several years ago I wrote a series of posts about the use of the subjunctive, and I divided the subject in four parts, each dealing with one tense: congiuntivo presente (present subjunctive), congiuntivo passato (past or perfect subjunctive), congiuntivo imperfetto (imperfect subjunctive) e congiuntivo trapassato (pluperfect subjunctive). Today we’re going to look at the some practical examples of the use of the subjunctive. Click on the links above for more information about the use of the subjunctive.

These examples all follow the same rule: the subjunctive is used with verbs which express wishes, thoughts, beliefs, worries, and doubts, e.g.: volere (to want), sperare (to hope), pensare (to think), credere (to believe), temere (to be afraid), dubitare (to doubt), when these verbs are followed by the conjunction che (that).

1. Here are some examples that show how the appropriate subjunctive tenses of the verb piovere (to rain) are used after the verb sperare (to hope) followed by che (that):

Speriamo che domenica non piova (present subjunctive) = let’s hope that it won’t rain on Sunday

Speriamo che non abbia piovuto (past/perfect subjunctive) = let’s hope it hasn’t rained

Speravamo che non piovesse (imperfect subjunctive) = we hoped it wouldn’t rain

Speravamo che non avesse piovuto (pluperfect subjunctive) = we hoped it hadn’t rained

 

2. Here are some examples that show how the appropriate subjunctive tenses of the verb partire (to leave) are used after the verb pensare (to think) followed by che (that):

Giorgio pensa che Mario parta domani (present subjunctive) = Giorgio thinks that Mario is leaving tomorrow

Giorgio pensa che Mario sia partito ieri (past/perfect subjunctive) = Giorgio thinks that Mario left yesterday

Giorgio pensava che Mario partisse domani (imperfect subjunctive) = Giorgio thought that Mario was leaving tomorrow

Giorgio pensava che Mario fosse partito ieri (pluperfect subjunctive) = Giorgio thought that Mario had left yesterday

 

3. Here are some examples that show how the appropriate subjunctive tenses of the verb riuscire (to succeed, to be able to) are used after the verb temere (to be afraid) followed by che (that):

Temo che Maria non riesca ad arrivare in tempo per salutarti (present subjunctive) = I’m afraid that Maria won’t be able to arrive in time to say goodbye to you

Temo che Maria non sia riuscita ad arrivare in tempo per salutarti (past/perfect subjunctive) = I’m afraid that Maria wasn’t able to arrive in time to say goodbye to you

Temevo che Maria non riuscisse ad arrivare in tempo per salutarti (imperfect subjunctive) = I was afraid that Maria wouldn’t be able to arrive in time to say goodbye to you

Temevo che Maria non fosse riuscita ad arrivare in tempo per salutarti (pluperfect subjunctive) = I was afraid that Maria hadn’t been able to arrive in time to say goodbye to you

 

N.B. When both actions are carried out by the same subject (e.g. pensare and partire etc.) we use the preposition di instead of che, followed by the infinitive rather than the subjunctive, e.g.:

Giorgio pensa di partire domani = Giorgio thinks he’ll leave tomorrow

Temo di non riuscire ad arrivare in tempo per salutarti = I’m afraid I won’t be able to get there in time to say goodbye to you.

Tags: , , , ,
Share this:
Pin it

Comments:

  1. Julia Kovankova:

    Mi è piaciuto molto! Ma temo di non lo usare… Sembra facile in inglese. Ma non posso immaginare a usare The Subjuctive nel mio intervento. Spero di imparare… un giorno 🙂

  2. Maria Carmen Triola:

    Thank you for this crystal clear explnation , adults and young people learning Italian will find it very helpful !

  3. dipi:

    Thank you. This is a very nice clear explanation that was easily understood by a non-grammar nerd.

  4. Serafino:

    For English speaking people, the subgutive is not easy, but it cannot be ignored. It is used all the time in daily life. Do we make mistakes? Yes, as perhaps sometimes you do in English. When it is not used, or used incorrectly , it is very noticeable. Once you learn to use it, and think and speak in italian, it is not difficult .

  5. kate:

    nice job!
    I hope my understanding is correct:
    the congiuntivo presente is a present action not completed, “I” don’t know if Maria will come or not (there is still time because “you” haven’t left yet), BUT there is a big doubt she won’t make it in time.

    congiuntivo passato – action completed, Maria didn’t arrive in time and you and I ( for example) are on the train talking about this past completed action about Maria.

    congiuntivo imperfetto-Since the action hasn’t been completed we don’t know if Maria will make it or not, and the English translation ” I was afraid that Maria wouldn’t be able to arrive in time to say goodbye to you” using the conditional could imply two ideas: ” but look, here’s Maria, she made it”. Or “See, I told you so, I was right to be afraid because Maria didn’t make it ( you and I are on the train talking about Maria)

    congiuntivo trapassato – past action completed. Although instead of saying ” Maria hadn’t been able to arrive” it would be better to say “wasn’t able to arrive” or “wouldn’t have been able to arrive”. Using the past perfect here doesn’t sound right, although it is the past perfect tense of “wasn’t able to arrive” as used in your English translation in the congiuntivo presente.

    please let me know your thoughts on this, as I still have much to learn about the congiuntivo. I imagine it’s similar to Italians learning our Perfect tenses. 🙂

    • Serena:

      @kate Salve Kate!
      I’m not sure about your question. Your approach towards the “consecution temporum” (the order of the verb tenses) is very different from the one I learnt, but I’ll try to answer your question.
      1. Congiuntivo presente looks good to me: non so se Maria venga/verrà o no (there’s still time)
      2. Congiuntivo Passato: “non so se Maria sia arrivata” means that I’m in a different place from Maria’s arrival point, so I don’t know (now, in this moment) if Maria managed to arrive or not (she was meant to arrive 10 minutes ago)
      3. Congiuntivo imperfetto: is the same situation as in n.1, both actions are contemporary and ongoing, but are taking place in the past: non sapevo se Maria venisse o no
      4. Congiuntivo trapassato is the equivalent of n.2, but both actions are taking place in the past, and the action using the congiuntivo trapassato should have already happened somewhere else: non sapevo se Maria fosse già arrivata.
      I’m not good at translating these sentences into English, sorry.
      Spero di averti aiutata
      Serena

  6. kate:

    Salve Serena,

    Thanks so much for your prompt and thorough reply! Apologies for my tardiness.

    I think I’m “thinking” too much about the English translation of the congiuntivo imperfetto and trapassato and getting myself confused!

    Thanks for explaining them better to me.

    PS – I just discovered your blog and I am enjoying reading and learning from it so much!

    Grazie mille e buona dominica!

    Kate

    • Serena:

      @kate Ciao Kate!
      Sono contenta che la mia spiegazione ti sia stata utile! Sì, spesso il problema è che cerchiamo di spiegare le regole di una lingua straniera dal punto di vista della nostra lingua, e così ci confondiamo sempre di più. Se hai altri dubbi, non esitare a domandare.
      Saluti da Serena

  7. Nephilim:

    Ho trovato il tuo intervento per caso e volevo dare il mio umile contributo. Mi pare però che a occhio manchi almeno un caso e può essere forse considerato nel punto 1, almeno in parte. Non sono un linguista, ma le frasi di cui parlo legano un fatto ipotetico a una sua conseguenza.
    Per fare un esempio: “se tu guardassi dove metti i piedi non inciamperesti di continuo”
    Non si usa qui un verbo che esprime dubbio o altro, forse si può dire che la conseguenza é una nostra opinione e non un fatto certo.

    • Geoff:

      @Nephilim Salve Nephilim e grazie per il tuo contributo. Il congiuntivo è sempre molto complicato e pieno di regole. Ho dato un’occhiata ai vari link sul congiuntivo e ho trovato un vecchio articolo sul periodo ipotetico col congiuntivo imperfetto preceduto da se. Avevo preso lo spunto dalla canzone “se potessi avere mille lire al mese”. Ma l’articolo è vecchissimo, del 2009! Mi sa che sia ora di rivisitarlo. Grazie ancora per il tuo contributo, spero di risentirti.
      A presto
      Serena

  8. Ben:

    Ciao Serena, mi rendo conto che l’entrata è ormai vecchia ma ti faccio la mia domanda comunque e magari la vedrai.

    Ho pensato di capire bene l’uso del congiuntivo, ma mi imbattei in un mare di problemi quando due amici italiani mi hanno detto separatamente che è giusto dire “ero sicuro che lui fosse lì”, anziché l’uso del imperfetto indicativo. Allora in questo esempio non si tratta di dubbio, e non è una forma impersonale, allora perché cavolo bisogna usare il congiuntivo??

    Spero tu possa chiarirmi le cose,

    Saluti,

    Ben.

    • Serena:

      @Ben Salve Ben! Complimenti per il tuo italiano!
      Nella frase “Ero sicuro che lui fosse là” l’uso del congiuntivo è corretto. Vediamo di capire il perché! In questo caso “ero sicuro” ha un significato diverso da quello apparente. Infatti non esprime una certezza, ma una realtà diversa da quella che credevamo. Per dare l’immagine completa possiamo usare la seguente frase: “ero sicuro che lui fosse là, ma non lo vedo, devo essermi sbagliato”.
      Spero di essere stata chiara.
      Saluti da Serena

  9. Davide:

    And Italian friend of mine said: ” “Speravo che eri malato.” I would have said, Speravo che tu fossi malato. He’s a native speaker of Italian. Which is correct?

    • Serena:

      @Davide Salve Davide, benvenuto!
      Grammatically, ‘Speravo che tu fossi malato’ is the correct form.
      ‘Speravo che tu eri malato’ is colloquial.
      Hai vinto tu! 😉
      Saluti da Serena

  10. Davide:

    Salve Serena,

    ti ringrazio molto. Sono molto contento che io sia vinto. Pensavo che io avessi ragione, ma non ero sicuro. Benché sia difficile il congiuntivo della lingua Italiana, mi piace molto. Se abitassi in Italia, sarebbe più facile! Mi manca la pratica qui! Come sai, ci vuole tempo per imparare bene una lingua! Di nuovo, grazie. Ciao.

    Davide

    • Serena:

      @Davide Salve Davide, non c’è di che!
      Saluti da Serena

  11. Davide:

    Salve Serena,

    ti posso fare una domanda? È giusto dire: Avevo fame, e quindi era meglio che avevo mangiato. Forse, sarebbe meglio dire: Avevo fame, e quindi era meglio che io avessi mangiato. Grazie

    Davide

    • Serena:

      @Davide Salve Davide, sì è giusto usare il congiuntivo. Ma ancora meglio è usare ‘se’ invece di ‘che’: Avevo fame, e quindi era meglio se io avessi mangiato.
      Saluti da Serena

  12. Davide:

    Salve Serena, di nuovo grazie! Davide

  13. Francesco Mattia Lambiase:

    L’indicativo restituisce sempre un valore di verità, indica cioè qualcosa che fu, che è o che sarà!
    Il congiuntivo non restituisce sempre un valore di verità (it can… but also can not):
    “Ero sicuro che lui fosse lì” … puoi essere sicuro quanto vuoi ma questo non impedisce che lui in realtà sia da un’altra parte.
    “ieri pioveva” indicativo, ok ieri pioveva.
    “spero ieri abbia piovuto un po'” congiuntivo… ha realmente piovuto? può essere e quindi le mie speranze si sono avverate ma può anche darsi il caso non abbia piovuto.
    (Lascerei come caso a parte il congiuntivo esortativo)

    Don’t think for cases: conjunctive is has to be used with this and this verb, NO! is not true. italian grammar is not made by cases, it has fixed roules. you can use conjunctive with all verbs!
    use conjuntive when you want subline that something may be not true dosnt matter if before there is “i’m sure or I think” this dont make more or less sure that somethig was, is or will be.


Leave a comment: